Le linguette di alluminio, la solidarietà e i vermilinguo

Comunicati, News, Press — By on 12 dicembre 2009 08:31

LE LINGUETTE DI ALLUMINIO, LA SOLIDARIETÀ E I VERMILINGUO

«Ho atteso, credo giustamente, che la polemica mediatica sulla raccolta delle linguette d’alluminio, da parte dei ragazzi di CasaPound, si stemperasse per non dare adito ad ulteriori stupidaggini su d’un tema molto importante come la solidarietà» inizia così la nota di Walter Pilo, presidente dell’associazione “l’Uomo Libero” (www.luomolibero.it), in merito ai molteplici articoli apparsi nei giorni scorsi. «La solidarietà non è di destra o di sinistra e chi contesta la positività di un gesto serio e generoso, o è in malafede o risponde a quella logica per la quale la madre degli imbecilli è sempre in cinta. Rappresento, con orgoglio, un’Associazione che non è “gemella” di CasaPound, ma apprezza molto la disponibilità e la volontà di impegno dimostrata da questi ragazzi, gli stessi che ci hanno aiutato lo scorso anno in occasione di un contestatissimo mercatino di Natale. Anche in quella occasione le prefiche dell’ideologia militante si erano strappate le vesti e noi, per pacata risposta, avevamo scritto una lettera al Sindaco di Bolzano e all’Assessore Trincanato, allegandovi copia di un bonifico bancario destinato al popolo Karen; bonifico che rappresentava il frutto dell’iniziativa bolzanina. Non abbiamo mai ricevuto riscontro di questa lettera. In compenso si è fatto di tutto per non permetterci di tornare a Bolzano per il Natale di quest’anno, fingendo, a buona pesa, di non vedere che molte realtà al mercatino non sanno nemmeno dove la solidarietà stia di casa. Pazienza, a noi importa di rispettare gli impegni presi portandoli a termine e rendendo conto solo ai beneficiari e a tutte le persone che ci hanno dato fiducia». Le linguette d’alluminio raccolte nella scuola, come in decine di altri istituti in tutta Italia, rappresentano un gesto semplice e ricco di contenuti morali che impegna i ragazzi a conoscere una data situazione ed a capire come anche la classica goccia nel mare possa servire a qualcosa di vero e di giusto.

Le linguette raccolte servono, nella misura di un chilo, a produrre gli 800 grammi d’alluminio necessari per la realizzazione delle parti metalliche di una protesi. Tutte le linguette arrivano in Thailandia, presso una fondazione patrocinata dalla Regina Madre, qui vengono realizzate le protesi e da qui consegnate a tutti, indistintamente tutti, coloro che ne hanno bisogno.

Arco, 12 dicembre 2009

Ulteriori riferimenti sulla serietà dell’iniziativa, al contrario di quanto affermato dai vermilinguo di professione, sono disponibili su:

www.prosthesesfoundation.or.th/original/eng/indexEn.htm

è il sito della Fondazione della Regina Madre in Thailandia che dona le protesi ai poveri e spiega che ricevono le linguette di alluminio che fondono loro stessi oppure che vendono in cambio di materiale per protesi

thegreenvolunteers.blogspot.com/2009/02/cantabs-recycling-making-difference.html

è il sito di una organizzazione ambientalista che parla del riciclo delle linguette per fare le protesi in Thailandia.

thestar.com.my/news/story.asp?file=/2009/7/20/nation/4352376&sec=nation

è uno dei tantissimi articoli che si possono trovare su internet riguardanti le iniziative di raccolta linguette che vanno a buon fine, sempre con il riferimento thailandese.

IL VOLANTINO DISTRIBUITO AI MERCATINI DI NATALE DI BOLZANO

fronte

retro

Tags: ,

0 Comments

You can be the first one to leave a comment.

Leave a Comment